Guide

5 segni di cattiva gestione

Costruire le giuste abitudini crea un luogo di lavoro che i dipendenti amano. Quando i dipendenti apprezzano il tenore del loro posto di lavoro, prosperano e ottengono risultati migliori per l'azienda. A sua volta, questo crea un migliore tasso di fidelizzazione dei dipendenti, che a sua volta migliora la produttività.

Microgestione e sorveglianza eccessiva

La microgestione è quando un supervisore non solo esamina, ma fa anche il pelo nell'uovo, dalle attività più piccole alle procedure quotidiane. Un manager che si occupa di microgestione potrebbe stare sulle spalle dei dipendenti mentre lavorano. I dipendenti sono considerati dipendenti come ingranaggi di una macchina anziché come membri di un team che condividono un obiettivo comune: portare a termine il lavoro.

Il riconoscimento e l'apprezzamento positivi vanno molto oltre la microgestione, che si traduce in una mancanza di fiducia. Le persone lavorano meglio quando i manager si fidano di loro.

Scarsa comunicazione e processo decisionale

Un manager deve essere in grado di affermare ciò che è necessario per portare a termine il lavoro. Ciò significa che i manager devono definire le aspettative per il lavoro, impostare le procedure e prendere decisioni, quindi controllarle e applicarle in modo equo in tutto il team. Se un manager non può esprimere le decisioni in modo chiaro, allora non si ottiene nulla o ciò che è realizzato non è fatto bene. Ciò lascia i dipendenti con un vago senso di scopo e i dipendenti potrebbero svolgere la stessa attività in modi diversi.

Una comunicazione efficace invia un messaggio forte che c'è un capitano al timone che fissa aspettative eque e che sa come far passare i messaggi. Quando ci sono standard aziendali vaghi e non applicati, ciò può indicare che i dipendenti si sentono bloccati in mare senza un leader che guidi la nave. Con una gestione di successo, un manager può organizzare ed eseguire piani con sicurezza.

Testardaggine e riluttanza ad ascoltare e adattarsi

Un manager che non è disposto ad ascoltare il feedback e ad adattarsi al cambiamento non è un manager che guiderà un team fiorente. La volontà di evolversi è sempre stata importante per il business, soprattutto ora, perché la tecnologia avanza più velocemente che mai. I manager devono ascoltare i suggerimenti dei dipendenti ed essere onesti su dove l'azienda deve andare. Quando i manager sono troppo orgogliosi per ascoltare i propri dipendenti, allora l'azienda mancherà di innovazione e l'azienda ne risentirà finanziariamente, poiché l'innovazione è l'unico modo per andare avanti.

Non fare un uso produttivo dei dipendenti

Cosa succede quando la direzione non fa un uso produttivo dei dipendenti. Conoscere le persone in azienda genera un senso di buona volontà, che migliora il morale e consente a un manager di valutare i punti di forza di ogni persona. I manager non possono conoscere le capacità e i talenti di coloro che sono stati assunti finché i dipendenti non sono visti in azione. Osservare i dipendenti e quindi creare un'atmosfera in cui i dipendenti si sentano a proprio agio nel dare un feedback promuoverà la crescita aziendale.

Questo non solo massimizza i dipendenti esistenti al meglio delle loro capacità, ma consente loro anche di provare un forte senso di scopo. Quando i dipendenti sono apprezzati come individui che hanno i propri talenti unici, prospereranno, e così anche l'azienda.

Cattivo atteggiamento o mancanza di onestà

È così semplice. Se un capo è acido, irritabile e generalmente sgradevole, nessuno vorrà affrontare questioni importanti che riguardano l'azienda. L'alta dirigenza di un'azienda dà il tono al resto dei dipendenti. Quando la direzione ha un atteggiamento negativo o non sembra essere onesto nei rapporti con i dipendenti, ciò crea tossicità e nessuno vuole lavorare in un ambiente tossico.

Fare consapevolmente scelte positive su base regolare manifesta lealtà e produttività. Cattive scelte gestionali fanno la differenza tra un'azienda che zoppica e un'azienda che si muove verso il futuro.