Guide

Come calcolare le tasse per un bonus retribuzione netto

Se gestisci un'azienda, pagare un bonus è un modo infallibile per far sorridere i tuoi dipendenti. In sostanza, un bonus è un compenso che va oltre ciò che un dipendente riceve di solito. I bonus sono tassabili, proprio come lo stipendio o la paga oraria. I datori di lavoro devono detrarre le tasse dalla retribuzione lorda del bonus per determinare la retribuzione netta del bonus. Di solito, i datori di lavoro fanno affidamento su un calcolatore del libro paga o un software specializzato per il calcolo dei bonus per calcolare le tasse sugli importi dei bonus. Tuttavia, è necessario avere familiarità con il modo in cui viene eseguito il calcolo per garantire l'accuratezza. L'Internal Revenue Services ha alcune regole speciali riguardo ai pagamenti dei bonus che devi seguire.

Nozioni di base sui pagamenti bonus

Un bonus è un compenso finanziario che viene pagato in aggiunta ai normali guadagni di un dipendente. I bonus possono essere pagati agli attuali dipendenti o dirigenti e ai potenziali dipendenti come parte del processo di assunzione. L'IRS classifica i bonus come reddito supplementare. Questo mette un bonus nella stessa categoria di indennità da lavoro come provvigioni, indennità di licenziamento, aumenti retributivi retroattivi, retribuzione arretrata e pagamenti in contanti per congedo per malattia non utilizzato. Anche la retribuzione degli straordinari è considerata un reddito integrativo, perché non fa parte della retribuzione che solitamente percepisce un dipendente.

I datori di lavoro pagano i bonus per diversi motivi. Le aziende spesso assegnano una retribuzione bonus ai dipendenti che hanno dimostrato prestazioni lavorative eccezionali. A volte, un datore di lavoro vuole incoraggiare i lavoratori a raggiungere un obiettivo specifico del progetto e offrirà una retribuzione bonus per il completamento con successo di tale obiettivo. Un bonus può essere offerto per assumere nuovi lavoratori per determinati lavori o per mantenere dipendenti di valore.

Un bonus può essere emesso come pagamento separato o aggiunto alla regolare busta paga del dipendente. Un datore di lavoro può scegliere l'approccio più appropriato in una determinata situazione. Tuttavia, l'IRS richiede metodi di ritenuta alla fonte diversi in base all'approccio utilizzato. Se un bonus viene pagato oltre allo stipendio o alla retribuzione regolare, viene utilizzato il metodo della percentuale. Quando i bonus vengono aggiunti alle buste paga regolari è richiesto il metodo aggregato.

Metodo dell'aliquota fiscale percentuale o bonus

Quando si pagano i bonus ai dipendenti effettuando pagamenti separati, è necessario calcolare e trattenere tutte le stesse imposte sui salari che si applicano alla retribuzione regolare di un dipendente. Tuttavia, l'IRS stabilisce un'aliquota d'imposta bonus del 25%, che si applica alla maggior parte dei bonus. Se a un dipendente viene assegnato un bonus di oltre $ 1 milione, l'imposta federale sul reddito per un importo superiore a $ 1 milione deve essere trattenuta, con un'aliquota del 39,6%.

Supponiamo che un dipendente riceva un bonus di $ 1.000 emesso come pagamento separato. La previdenza sociale è calcolata al 6,2 percento della retribuzione del bonus lordo e Medicare è trattenuta a un tasso dell'1,45%. Insieme, queste due tasse arrivano a $ 76,50 sul bonus di $ 1.000. Usando l'aliquota d'imposta bonus, hai una ritenuta d'imposta federale sul reddito di $ 250. Sottraendo queste tasse si ottiene una retribuzione netta bonus di $ 673,50. Se un dipendente ha già guadagnato oltre $ 128.400 per l'anno, non viene trattenuta alcuna imposta sulla previdenza sociale perché questo è il limite di reddito per l'imposta sulla previdenza sociale a partire dal 2018. Continuare a trattenere l'imposta Medicare. Potrebbe essere necessario trattenere anche le imposte sul reddito statali e locali.

Metodo aggregato

Un datore di lavoro può decidere di aggiungere una retribuzione bonus alla normale busta paga di un dipendente. In tal caso, l'aliquota fiscale bonus non viene utilizzata. L'importo del bonus viene invece aggregato ad altri compensi quando le imposte sui salari vengono calcolate e trattenute. Supponiamo che un dipendente abbia un reddito imponibile regolare di $ 2.000 per due settimane di lavoro dopo che le indennità e le altre detrazioni sono state sottratte dalla retribuzione lorda. Il datore di lavoro aggiunge un bonus di $ 1.000. L'aliquota di ritenuta alla fonte dell'imposta sul reddito federale sul reddito imponibile superiore a $ 1.630 e inferiore a $ 3.216 per un periodo di retribuzione di due settimane è del 22%. Per un bonus di $ 1.000, l'imposta federale trattenuta equivale a $ 220. Le tasse di Social Security e Medicare ammontano a $ 76,50 per un totale di $ 296,50. Il bonus salariale netto arriva a $ 703,50 meno qualsiasi ritenuta fiscale statale e locale. La busta paga regolare del dipendente è aumentata di tale importo.